-->

Gilda35, satira dadaista sul professionismo di internet

Il nuovo Twitter e il #foreveralone natalizio

Il nuovo Twitter e il #foreveralone natalizio

ONtro

Esimi nonché egregi Ricercatori, come sapete Natale è uno di quei drammatici periodi dell'anno, in cui la solitudine si fa sentire più forte... Per molti è il giorno in cui si pensa agli amici lontani, agli amori perduti, alle persone care che ci hanno lasciato...

Non dovrebbe pertanto sorprenderci che in una giornata che molti vivono così mestamente un hashtag come #foerveralone (per sempre solo/a) sia diventato tema di tendenza mondiale e abbia campeggiato nella sezione storie della pagine "Scopri/Discover" del nuovo Twitter.

OppureNO.

Discover

"Discover" come ben raccontato da Wired è una nuova funzionalità di Twitter che in sintesi offre:

Uno sguardo sul mondo. Cliccando sull’icona del cancelletto è possibile accedere all’opzione “scopri” : una serie di informazioni raccolte da Twitter per “riflettere i nostri interessi, in base a dove ci troviamo, le persone che seguiamo e quello che sta succedendo nel mondo”. Ecco quindi i suggerimenti degli account da seguire raggruppati in categorie (musica, sport e intrattenimento) o le storie da “scoprire”. Nella sezione # è possibile sapere che cosa stanno facendo gli utenti, chi stanno seguendo e quali sono i loro tweet preferiti. Non molto diverso da quello che fa Facebook quando ci aggiorna sulle nuove amicizie dei nostri contatti e sui link condivisi.

Tratto da "Il Nuovo Twitter" di Wired

Finora nella sezione "Storie" erano sempre stati segnalati hashtag, che si sviluppavano attorno ad un link legato ad una testata online. Molti Ricercatori si chiedevano se fosse una sorta di embrione di funzionalità alla Google News, con selezione delle notizie da una determinata lista di siti di informazione. Invece la "Storia" da cui si sviluppava l'hastag del #foreveralone non faceva riferimento ad alcuna testata online, o notizia...

Il Tweet da cui è partito tutto

Il tweet che ha scatenato i mesti messaggi di centinaia di uomini soli, di ragazze sedotte e abbandonate, di separati, divorziati, dimenticati, di innamorati non corrisposti... campeggiava fiero nella mattina di Natale sulla pagina Storie di Discover...

Devo dire che appena l'ho visto sono scoppiato in un ghigno da vecchio troll in prepensionamento, ma non roviniamo la sorpresa...

Questo era il messaggio da cui era scaturito il lacrimevole profluvio natalizio

Con una tipica logica internettara vecchio stile venivano esaminate in modo naif alcune possibili combinazioni di relazioni umane, di cui 3 disfunzionali ed una funzionale (i nerd amano applicare l'ingegneria a qualunque cosa):

  • Rapporto Disfunzionale 1: "Ragazzo Gentile" innamorato non ricambiato di "Ragazza Dolce", che è innamorata non ricambiata di uno "Stronzo".

  • Rapporto Disfunzionale 2: "Ragazzo Gentile" innamorato non ricambiato di "Ragazza Dolce", che è innamorata non ricambiata di uno "Stronzo", che a sua volta è innamorato non ricambiato di una "Puttana".

  • Rapporto Disfunzionale 3: "Ragazzo Gentile" innamorato non ricambiato di "Ragazza Dolce", che è innamorata non ricambiata di uno "Stronzo", che a sua volta è innamorato non ricambiato di una "Puttana", che pure lei è innamorata non ricambiata di un "Ricco".

  • Rapporto Funzionale: "Ragazzo Gentile" con l'espressione da foreveralone (per sempre solo), "Ragazza Dolce" e "Stronzo" innamorati, "Puttana" e "Ricco" innamorati.

Le migliaia di persone che hanno utilizzato l'hashtag nella giornata, se avessero avuto qualche conoscenza di Cultura Digitale in più, si sarebbero rese conto di trovarsi di fronte a quel simpatico esperimento sociologico comunemente noto col nome di "trolling". Infatti il tweet in questione non era che un meme del foreveralone!

Il Meme Foreveralone

Il Meme del Foreveralone è uno dei grandi classici delle Comunità Online dedite alle tecniche di trolling più eleganti e divertenti.

E' un grazioso esempio contemporaneo di quello che chiamiamo cyber dadaismo. La storia di questo meme (fonte l'autorevole Know Your Meme) è alquanto incerta.

Si sa solo che nacque nell'aprile 2010 praticamente in simultanea in molti centri di produzione di meme (4chan, Tumblr, ecc...). E' un classico "rage comic", ossia un fumetto estremamente stilizzato e naif che ritrae un'espressione di rabbia, nel caso di specie il disappunto per essere soli al mondo, senza nessuno che ricambi il proprio amore.

Forse molti di voi non lo sanno, ma in un'occasione il Foreveralone meme causò un gigantesco flashmob involontario ai danni di centinaia di poveri uomini soli alla ricerca disperata di un'anima gemella, che li alleviasse dalle proprie sofferenze amorose...

Il nuovo Twitter e il #foreveralone natalizio

Il 13 maggio 2011 alcune Community di troll idearono un articolato scherzone utilizzando fake di bellissime ragazze e invitando centinaia di ragazzi soli lo stesso giorno alla stessa ora a Times Square (New York)...

Peraltro poiché i membri della Community volevano godersi lo scherzone via telecamere di pubblica sicurezza, il sito della Earthcam andò giù... Il numero di richieste di accesso era così elevato che fu paragonabile ad un attacco DDos...

Panopticon Twitter

Così di ritorno da una sana pedalata natalizia per smaltire gli eccessi del Cenone della Vigilia leggo il tweet in questione e sghignazzando lo metto a beneficio della nostra Comunità con questo piccolo e innocente messaggio:

Ovviamente le Macchine di Twitter non dormono mai, oppure c'è qualche stagista sfigato costretto a monitorarmi h24 pure il giorno di Natale, o forse è la solita incredibile ed incoerente "coincidenza di Tecnonucleo" prodotta dall'interazione Uomo/Macchina...

Ma una mezz'ora dopo aver postato il mio messaggio, in modo assolutamente incoerente il messaggio di riferimento della "storia" del foreveralone cambia e fa riferimento a questo tweet completamente normalizzato...

Il nuovo Twitter e il #foreveralone natalizio

La cosa è assolutamente divertente nella sua sconcertante falsità: il tweet da super troll di Don Muffin con oltre 50 retweet e preferiti era chiaramente quello da cui si era propagato il tema di tendenza del foreveralone.... quello di LOVELiiCIOUSx, che già dal nome pare un embrione da vasca di riproduzione di Teamfollowback, coi suoi 4 retweet stenterelli evidenzia da solo il provvidenziale intervento "a manetta"... La foto poi è così furbetta e geek da far sorgere più di un sospetto...

Il nuovo Twitter e il #foreveralone natalizio

Conclusioni

Esimi Ricercatori che dire?

Innanzitutto ci complimentiamo con Don Muffin per essere riuscito a sabotare la sezione Storie di Discover Twitter, con un elegantissimo atto di trolling DOC.

In secondo luogo assistiamo all'evoluzione delle dinamiche difensive di Twitter, che invece di bloccare i messaggi sgraditi come con i Toptweet e i Temi di Tendenza, adotta una policy molto più sofisticata: la mistificazione. L'origine dell'hashtag #foreveralone viene abilmente occultata e tramutata da atto di trolling, in romantica malinconia... Immaginate l'applicazione di una simile prassi con una notizia vera o con un'informazione politica.

In terzo luogo sono molto dispiaciuto per quegli utenti che hanno postato in tutto il mondo messaggi di solitudine natalizia solo per il sollazzo di Comunità di Troll... Penso che lo scherzo ci insegni una cosa importante: senza neppure aver capito il senso del meme che avevano di fronte, migliaia di persone hanno esibito al mondo pensieri intimi e sofferti, Twitter ha ritenuto la "Storia" di tendenza, dandole visibilità e generando ancor di più un mood depressivo... I Nuovi Media rischiano di diventare strumenti di espressione inconsapevole di emozioni forti... oggi il manipolatore è un Troll, domani?

Torno a ripetermi: la gente risparmiasse le emozioni più profonde per i rapporti umani dal vivo e la smettesse con questo stupido esibizionismo digitale.

P.S. Buone Feste :D

Commenta il post

riccadinho 30/05/2012

Ho due piccole annotazioni da fare
1) I social campano di esibizionismo digitale, da chi si esibisce a chi guarda in un continuo ripeat che una volta ci vede dalla parte degli esibizionisti e dall'altra degli spioni, non credo che possa esistere nessuno che sia dentro un Social qualsiasi che non faccia parte di questo gioco.
2) Il ForeverAlone è un altra conseguenza dei Social, una delle tante conseguenze, Ahimè

Giovanni Scrofani 30/05/2012

In origine internet doveva essere un sistema per mettere in comunicazione le persone e scambiare contenuti culturali e informazioni... L' esibizionismo digitale è un' aberrazione.

Twitter Unfollow Bug « Gilda35 30/05/2012

[...] della totalità delle applicazioni di Twitter: ricerche, temi di tendenza, toptweet, la neonata sezione “Storie”… Ogni messaggio viene analizzato, sminuzzato, soppesato, ponderato sulla base delle [...]

La sezione Storie di Twitter: Esperimento #TwitterMonument « Gilda35 30/05/2012

[...] di “reverse engineering” summenzionati non ci avevano aiutato a comprendere la neonata Sezione Storie di Twitter, che invece pare nutrirsi di un Fattore Contestuale, ossia l’ambiente in cui nasce la [...]

riccadinho 30/05/2012

Non posso che concordare con te, del resto, io sono stato uno di quelli che si sta facendo una cultura con Gilda35 aprendo delle porte che prima erano chiuse e percependo il web in modo diverso rispetto a come l'avevo percepito. e per questo non finirò mai di ringraziarvi.

Giovanni Scrofani 30/05/2012

L'importante è spingere gli altri ad un uso consapevole dei nuovi media.
Faccio un esempio.
Quando con questa Comunità abbiamo iniziato ad affrontare in modo critico certi temi (manipolazione dell'informazione, sciame umano, privacy, profilazione inconsapevole, ecc...) gli altri ci trattavano come dei matti... però visto che molti giornalisti ed influencers venivano qui a informarsi sulle novità del settore (scherzando e ridendo abbiamo sempre anticipato le "svolte" con un anno di anticipo) gradualmente un certo approccio è passato anche sui canali più mainstream... Fino all'assurdo della celebre puntata di Report, che per dirla come alcuni Indigeni Digitali era più Gilda35 di Gilda35... Fatto sta che adesso professionisti, esperti del settore (nonché parenti e amici ovvio) lontanissimi dai temi che tratto spesso mi contattano per affrontare questi temi... Se pensiamo che abbiamo iniziato facendo gli scherzetti coi Top Tweet...
Le idee balorde passano non solo per l'apparato tecnico economico che hanno alle spalle, ma anche perché chi potrebbe contrastarle nicchia ;)

riccadinho 30/05/2012

La penso come te, però è giusto che certe azioni portino la gente a riflettere, è giusto che si ci interroghi se vogliamo che internet sia davvero questo ed è giusto che non ci rassegniamo se il mondo non è come lo vogliamo (non solo Internet), però questa è la direzione che prende il web, e siccome il web siamo "noi" guidati dal grande Marketing che comunque insegue i gusti della gente (per esempio esibirsi e spiare e chiaccherare) in fondo è questa la direzione.
Mi viene in mente la quantità di volte a cui ho detto ad amici "non mettete le foto dei vostri figli su facebook" parlando del più e del meno sui pericoli dei social.. magari con mezzo sorriso e una scusa farfugliata non solo le mettono ma glieli iscrivono pure.. io ho avuto modo di fare una riflessione, si parla tanto di privacy specie in fase di Timeline, e ho scritto tanto, ma mi sono reso conto che, in moltissimi casi è più la voglia di esibirsi, pubblicando, geolocalizzando scrivendo cose a destra e a manca, che quella di proteggersi anche solo "non scrivendo".

Giovanni Scrofani 30/05/2012

Farsene una ragione significa in un certo qual modo rassegnarsi ad una certa evoluzione in senso manipolatorio della nostra presenza in internet... A me questa sorta di zoo digitale non piace affatto... ben vengano certe (anche fastidiose) esperienze dissacratorie, che almeno ci portano ad interrogarci sul senso delle nostre azioni in Rete. Francamente a me le migliaia di persone che hanno trascorso il Natale a postare #foreveralone credendoci, più che far pena risultano inquietanti...

riccadinho 30/05/2012

Aberrazione è anche l'utilizzo di Marketing estremo con tutti i derivati anche professionali, per i puristi, non dovrebbe esistere forse un qualcuno che ti pompa un sito per farlo arrivare per primo, o un search engineering che decide come fa comodo a lui chi e cosa deve stare "in alto" ma esiste, l'esibizionismo digitale è anche questa una conseguenza di alcuni effetti, ma anche la causa di altri e siccome questo è il Web, dobbiamo farcene una ragione.

Giovanni Scrofani 30/05/2012

http://www.youtube.com/watch?v=4UOd53l3kH0&feature=youtube_gdata_player

ForeverAlone 30/05/2012

Articolo completamente inutile e sbagliato, non vedo cosa ci sia stato di troll nell'usare la parola foreveralone, stai creando il nulla dal nulla. Fattela una "Cultura Digitale".

Mobile Analytics