Gilda35, satira dadaista sul professionismo di internet

[LAB] Il Multiverso dei Social Network

Esimi Ricercatori vi presento con estremo piacere questo nuovo splendido articolo di Rosario @Dep1050 Di Girolamo, che si conferma come la penna più originale di questa stagione digitale.

Mentre tutti si affannano in inutili Mud Wrestling, Rosario restituisce all'informatica la natura che gli è propria: quellla di nuova frontiera in cui filosofia, scienza e arte possono pienamente fondersi in qualcosa di inedito e spettacolare.

E' come tornare agli scritti del Timoty Leary di Caos e Cybercultura, quando profetizzava:

To describe externals, you become a scientist. To describe experience, you become an artist. The old distinction between artists and scientists must vanish. Every time we teach a child correct usage of an external symbol, we must spend as much time teaching him how to fission and reassemble external grammar to communicate the internal. The training of artists and creative performers can be a straightforward, almost mechanical process. When you teach someone how to perform creatively (ie, associate dead symbols in new combinations), you expand his potential for experiencing more widely and richly.

Changing My Mind, Among Others : Lifetime Writings (1982), p. 76



Poco altro da aggiungere: in questa arida stagione digitale finalmente il refrigerio della fisica quantistica dei Social Network...

Commenta il post
Mobile Analytics